Caipirina

Caipiriña.jpg

Analizzeremo come si prepara la Caipiriña e, in particolare, spiegando nel dettaglio ingredienti

di base ed attrezzatura.

 

La Caipiriña è il drink simbolo del Brasile. 

 

La Caipiriña è un cocktail brasiliano, un ottimo drink estivo, semplice da realizzare, ottimo per rinfrescarsi nel pomeriggio, come aperitivo, nel dopo cena, ma anche da servire a tutto pasto, anche se l’abbinamento migliore è con i piatti piccanti.

Consigliamo vivamente di aggiungere alla Caipiriña classica frutta fresca, soprattutto il Passion Fruit.

L’ingrediente fondamentale di questo drink è la Cachaca, un distillato ottenuto della canna da zucchero come materia prima. 

 

Origini del nome

L'origine della Caipiriña si ha con la diffusione della canna da zucchero nel 1532 in Brasile da parte dei portoghesi. Con gli scarti della canna da zucchero si ricavava la Garapa, un succo non fermentato usato anche come potente medicinale, che, successivamente fermentato, diventa la famosa Cachaça, un distillato casalingo dei "caipira", cioè dei contadini. Questo attirò su di loro imposte su imposte scaturendo così la prima rivolta della Cachaça nel 1660 e, con l'indipendenza del Brasile, i caipira brindarono con la Caipiriña, una bevanda a base di Cachaça e lime che i contadini avevano da sempre prodotto.

 

Ingredienti

  • Mezzo lime;

  • 3cl Matahari;

  • 2 barspoon zucchero bianco;

  • 6cl (2oz) di Cachaca;

  • Pizzico di sale;

  • Ghiaccio.

 

Strumenti

  • Bicchiere old fashioned;

  • Barspoon o cucchiaino da tè;

  • Muddler;

  • Shaker o (Store and Pour);

  • Coltello.

 

Procedimento

Lavare bene i lime perché è molto probabile che siano trattati e la buccia non sia edibile. Immergerli in acqua e bicarbonato ed asciugarli bene con un canovaccio. 

 

Prendere la metà del lime e tagliarlo a croce con un coltello, in modo tale da avere quattro pezzetti. Togliere la parte bianca (albedo), altrimenti troveremo nel drink una nota amara. Dei quattro pezzetti, prenderne due per procurarsi il Matahari.

 

Come strumento preferiamo lo Store and Pour al posto del classico shaker soprattutto perché è fatto di plastica.

Gli shaker che utilizziamo sono in acciaio perché sono dei conduttori termici e con una shakerata veloce abbattiamo subito la temperatura. Quest'ultimi però hanno anche un difetto, ovvero che si raffreddano in fretta ma si scaldano altrettanto in fretta. Quando lavoriamo con la frutta, quest’ultima deve avere il tempo di assorbire il liquido e che quest'ultimo venga rilasciato. Quindi abbiamo bisogno di muoverla di più, ovvero shakerando più di 10 secondi e con la plastica otteniamo un migliore risultato.

Prendere lo Store and Pour o lo Shaker, mettere lo zucchero, i quattro pezzetti di lime (di cui due spremuti), un pizzico di sale ed il Matahari.

(In questo momento è possibile aggiungere frutta fresca se lo desideriamo)

Prendere il Muddler e pestare i pezzetti di lime rimasti (ed eventuale frutta a pezzi). Pestiamo il tutto per far fuoriuscire il succo e i preziosi olii essenziali della buccia del lime. 

Se avessimo voluto solo il succo avremmo utilizzato uno spremiagrume. 

 

Lo zucchero deve essere ben sciolto altrimenti lo andremmo a perdere dopo l’aggiunta del distillato, perché lo zucchero in grani in alcol non si scioglie.

 

Amalgamare il tutto con l’aiuto di un barspoon (o cucchiaino da te) ed aggiungere la Cachaca. 

Versare la Cachaca prima del ghiaccio è importante per ”catturare” gli olii essenziali, estremamente volatili, estratti dalla buccia.

Infine aggiungere il ghiaccio a cubi e shakerare vigorosamente. 

Versare tutto il contenuto dello shaker in un bicchiere senza filtrare.

 

Opinione Personale

Essere brasiliani non è una condizione necessaria e sufficiente per realizzare  un’ottimo drink ma ciò che serve è studiare gli ingredienti, le tecniche e assaggiare i vari passaggi durante la costruzione del drink. 

Salute!

Alessio Ciurini

Taglio del Lime.jpg
Pestare Lime.jpg
Versare Cachaca.jpg
Versare store and pour.jpg

Tagliare la metà del lime a croce.

Pestare i lime tagliati insieme a zucchero e Matahari.

Versare la prima la Cachaca e poi il Ghiaccio.

Shakerare vigorosamente e versare in un old fashioned.